Robo&Bobo è tante storie.

I protagonisti ad oggi sono stati più di 70 ragazzi e 20 professionisti. Assieme hanno imparato ad utilizzare le tecnologie per dare vita a nuovi progetti.

Leggi i racconti

I racconti

Nell’ultimo anno l’Ospedale Regina Margherita di Torino è stato animato da alcuni insoliti personaggi: cinque robottini, protagonisti dei laboratori di Robo&Bobo, che hanno regalato ai ragazzi ospitati nel reparto pediatrico la possibilità di giocare con le tecnologie. Ogni robot insegna qualcosa di nuovo e lo fa in modo divertente. Durante i 100 laboratori condotti finora, più di 70 ragazzi hanno imparato a utilizzare stampanti 3D, visori di realtà aumentata, inchiostro conduttivo, joystick per videogiochi e piccoli robot luminosi per dare vita a progetti personali. Scoprite assieme a noi che cos’è nato dall’incontro fra la tecnologia e la creatività dei ragazzi.

Metodologie

La ricchezza di Robo&Bobo sta nella dimensione multidisciplinare con cui è stato concepito il lavoro. Professionisti di diversi campi guardano al mondo dell‘Ospedale con occhi diversi, restituendoci un'immagine completa e complessa, frutto della serietà con cui si è deciso di rapportarsi a quel mondo.
“Da grandi poteri derivano grandi responsabilità”... ma si sa che i supereroi lavorano meglio in gruppo che da soli. E dare vita ai nostri robottini non è stata un'impresa semplice: l’Associazione DEAR - Design Around si è cimentata nella sfida lanciata da Fondazione Vodafone. La mission prefissata era quella di avvicinare il mondo del digitale agli adolescenti ospedalizzati nel reparto di Oncoematologia pediatrica, partner del progetto. Per farlo è stato sviluppato un metodo preciso e replicabile che ha unito esperti di diversi campi, ognuno con uno sguardo differente sul mondo dell’Ospedale, in grado di restituire un'immagine completa e complessa.
Vi raccontiamo chi sono queste persone e il loro lavoro attraverso gli oggetti che li rappresentano

Contatti

Siamo aperti al dialogo e a nuove proposte:

Informazioni

Anita Donna Bianco e Fabio Guida
dearstaff@designaround.org

Ufficio stampa

Silvia Ferrero
dearpress@designaround.org
Seguici su:

Facebook